Fans Club Riconosciuto ufficialmente dalla ELVIS PRESLEY ENTERPRISES

SONGS

Gentle On My Mind

Autori: John Hartford
Durata: 3’21”
Data di registrazione: 20 gennaio 1969
Ora di registrazione: 2,00-5,00/5,30-8,30
Studio di registrazione: American Sound, Memphis, Tennessee
Numero Master: XPA5-1155
Numero Take: informazione non disponibile.
Titolo: Gentle On My Mind

It's knowing that your door is always open
And your path is free to walk,
That makes me tend to keep my sleeping bag
Rolled up and stashed behind your couch.
It's knowing I'm not shackled
By forgotten words and bonds,
And the ink stains that have dried upon some line,
That keeps you in the back roads
By the rivers of my memory
That keeps you ever gentle on my mind.

It's not clinging to the rocks and ivy
Planted on their columns now that bind me,
Or something that somebody said
Because they thought we fit together walking.
It's just knowing that the world will not be cursing
Or forgiving when I walk along some railroad track and find
That you're moving on the back roads
By the rivers of my memory
And for hours you're just gentle on my mind.

Though the wheat fields and the clothes lines
And the junkyards and the highways come between us,
And some other woman's crying to her mother
'Cause she turned and I was gone.
I still might run in silence,
Tears of joy might stain my face
And the summer sun might burn me till I'm blind,
But not to where I cannot see you walking on the back roads
By the rivers flowing gently on my mind.

I dip my cup of soup back from a gurgling,
Crackling cauldron in some train yard.
My beard a roughing coal pile
And a dirty hat pulled low across my face.
Through cupped hands around a tin can
I pretend to hold you to my breast and find,
That you're waving from the back roads
By the rivers of my memory,
Ever smiling, ever gentle on my mind.

Titolo: DOLCE NELLA MIA MENTE

È sapere che la tua porta è sempre aperta
Ed il tuo viale libero da percorrere,
Che mi ha convinto a lasciare il mio sacco a pelo
Arrotolato e riposto dietro al tuo divano.
È sapere di non essere incatenato
Da parole dimenticate e da legami,
E macchie d’inchiostro asciugate su qualche riga,
Che ti trattengono nelle vie nascoste
Lungo i fiumi della mia memoria
E fanno sì che il tuo ricordo rimanga sempre dolce nella mia mente.

Non è l’aggrapparmi alle pietre e all’edera
Piantata attorno alle colonne che mi lega ora,
O qualcosa che qualcuno ha detto
Perché pensavano che avremmo continuato insieme.
Mi basta solo sapere che il mondo non mi maledirà
O mi perdonerà mentre cammino lungo qualche binario e scopro
Che ci sei tu che avanzi nelle vie nascoste
Lungo i fiumi della mia memoria
E che per sempre il tuo ricordo sarà dolce nella mia mente.

Anche se i campi di grano e le corde da bucato
E i depositi dei robivecchi e le autostrade si mettono fra noi,
E qualche altra donna si sta lamentando con sua madre
Perché si è voltata ed io me ne ero andato.
Potrei ancora correre in silenzio,
Lacrime di gioia potrebbero macchiare il mio viso
Ed il sole d’estate potrebbe bruciarmi fino ad accecarmi,
Ma non a tal punto da non riuscire a scorgerti mentre cammini nelle vie nascoste
Lungo i fiumi che scorrono dolcemente nella mia mente.

Riempio la mia tazza da zuppa da un borbottante,
E crepitante calderone in qualche stazione.
La mia barba è un ammasso ruvido di carbone
Ed ho un lurido cappello calato giù sul viso.
Tenendo fra le mani una lattina
Fingo di stringerti al mio petto e scopro,
Che mi stai facendo un cenno con la mano dalle vie nascoste
Lungo i fiumi della mia memoria,
Sempre sorridente, sempre dolce nella mia mente.

ALTRE NOTIZIE:

una prima incisione del brano avvenne il 14 gennaio ma non venne portata a termine a causa di un forte mal di gola da parte di Elvis.
SOVRAINCISIONI: 24 gennaio, 18-19 e 20 marzo 1969, American Sound Studio, Memphis, Tennessee.
ALTRE NOTIZIE DISCOGRAFICHE: nel CD “The country side of Elvis”, edito dalla BMG australiana nel 1999 (74321675532), è incluso il master remixato di questa canzone; infatti, si sente pochissimo il coro.
STORIA DELLA CANZONE: “Gentle on my mind” venne registrata per la prima volta dallo stesso John Hartford nel 1967 (60° posto nella classifica Country). Egli scrisse questa canzone ispirato dalla visione del film “Il dottor Zivago”.
Hartford e l’addetto alle pubblicazioni musicali, Chuck Glaser, offrirono “Gentle on my mind” a Johhny Cash ma questi la rifiutò.
Pochi mesi dopo l’incisione di Hartford, Glen Campbell raggiunse la trentesima posizione della graduatoria Country con la sua versione.
Nel 1968, questa registrazione venne pubblicata un’altra volta ed in questa occasione arrivò al 39° posto della Hot 100 ed all’8° della Easy Listening.
“Gentle on my mind” venne premiata con quattro Grammy Awards: miglior esecuzione folk, miglior disco Country & Western, miglior canzone Country & Western e miglior esecuzione vocale maschile Country & Western.
Altri artisti che incisero questo brano furono Patti Page (1968), Boots Randolph (1968), Aretha Franklin (1969) e Dean Martin (1969).

EMISSIONI BOOTLEG

“Reclaiming the crown”. 2007, box di 6 CD. Master.
"Elvis 1969". 2013, box di 3 CD. Undubbed unrepaired master.
“The other side of Memphis”. 1990, CD. Master senza sovraincisioni.
“Unsurpassed masters, volume 2”. 1992, CD. Master senza sovraincisioni.
“Edge of reality”. 1993, CD. Master senza sovraincisioni.
“Only the songs survive”. 2000, CD. Versione remixata con il computer.
“Too hot to handle”. 2001, CD. Versione remixata col computer.
“Behind closed doors”. 1979, box di 4 LP; 1989, CD. Alternate take.
“Unfinished business”. 1980, LP. Alternate take.
“Rock my soul”. 1983, LP. Alternate take.
“For Elvis fans only”. 1986, LP; 1989, CD. Alternate take.
“The American way, vol. 5-Goin’ home to Memphis”. 2007, CD. Vocal overdub.
“A legendary performer, vol. 3”. 2005, CD. Unreleased version.
“Tiger man-An alternate anthology, volume 8”. 2007, CD. Alternate mix.

VIDEO: