Fans Club Riconosciuto ufficialmente dalla ELVIS PRESLEY ENTERPRISES

SONGS

Where Could I Go But To The Lord

Autori: James B.Coats
Durata: 3’33”
Data di registrazione: 28 maggio 1966
Ora di registrazione: 1,00-5,00
Studio di registrazione: B della RCA, Nashville, Tennessee
Numero Master: TPA4-0923
Numero Take: 2
Titolo: Where Could I Go But To The Lord

Living below in this old sinful world,
Hardly a comfort can afford.
Striving alone to face temptation's sore,
Now won't you tell me
Where could I go but to the Lord?

Where could I go, oh, where could I go
Seeking a refuge for my soul?
Needing a friend to save me in the end,
Now won't you tell me
Where could I go but to the Lord?

Life here is grand
With friends I love so dear,
Comfort I get from God's own word.
Yet when I face that chilling hand of death,
Now won't you tell me
Where could I go but to the Lord?

Where could I go, oh, where could I go
Seeking a refuge for my soul?
Needing a friend to save me in the end,
Now won't you tell me
Where could I go but to the Lord?

Where could I go but to the Lord?

Titolo: DA CHI POTREI ANDARE SE NON DAL SIGNORE ?

Vivendo quaggiù in questo vecchio mondo peccaminoso,
Difficilmente puoi trovare conforto.
E' arduo impegnarsi ad affrontare da soli le tentazioni,
Allora vuoi dirmi
Da chi potrei andare se non dal Signore?

Da chi potrei andare, oh, da chi potrei andare
A cercare rifugio per la mia anima?
Quando avrò bisogno di un amico che mi salvi nella mia ultima ora,
Allora vuoi dirmi
Da chi potrei andare se non dal Signore?

La vita qui è splendida
Insieme agli amici che amo sinceramente,
Ricevo conforto dalla parola di Dio.
Ma quando affronterò la gelida mano della morte,
Allora vuoi dirmi
Da chi potrei andare se non dal Signore?

Da chi potrei andare, oh, da chi potrei andare
A cercare rifugio per la mia anima?
Quando avrò bisogno di un amico che mi salvi nella mia ultima ora,
Allora vuoi dirmi
Da chi potrei andare se non dal Signore?

Da chi potrei andare se non dal Signore?

ALTRE NOTIZIE:

il 21 giugno 1968, Elvis registrò ancora una volta questa canzone per il suo TV Special trasmesso dalla NBC. La session si tenne negli studi Western Recorders di Burbank, California; il numero di master è WPA1-8039 e fu scelta la take 7 per il master che fu poi “allacciata” in medley con “Up above my head” e “Saved”.
Il medley era composto anche da “Sometimes I feel like a motherless child”, eseguita da Jean King dei Blossoms, ma poi nell’album “Elvis-TV Special” venne tagliata. Verrà pubblicata nella sua forma completa nel doppio CD “Memories-The ‘68 comeback Special” nel 1998.
STORIA DELLA CANZONE: “Where could I go but to the Lord” venne composta da James B. Coats nel 1940 col titolo di “Where could I go ?”.
Il brano fu registrato da numerosi artisti nel corso degli anni.
La prima registraione in assoluto dovrebbe essere quella del gruppo All American Quartet nel 1940.
Una delle tante versioni di questo Gospel è quella di Red Foley del 1951 per la Decca, che era il lato B del suo grande successo “Peace in the valley”.

EMISSIONI BOOTLEG

“The How Great Thou Art sessions, volume 2”. 2003, CD. Take 1.
“Where no one stands alone”. 2008, CD. Take 1 e count-in della take 2.
“Season greetings from Elvis”. 1995, CD. È incluso il master, estrapolato dalla trasmissione radiofonica del 19 marzo 1967 “Elvis Presley Special Palm Sunday radio show".
“The ‘68 comeback”. 1976, LP; 1991, CD. Registrazione del 21 giugno 1968 per il “TV Special”. In medley con “Sometimes I feel like a motherless child”, “Up above my head” e “Saved”.
“How great Thou art-Alternate album”. 2009, CD. Registrazione del 21 giugno 1968 negli studi Western Recorders, Burbank, California. In medley con “Sometimes I feel like a motherless child”. Si tratta della versione denominata Gospel section, rehearsal take 1.
"Singer presents Elvis". 2011, libro+CD. In medley con "Sometimes I feel like a motherless child" (prova e take 1) e master del Gospel medley con count-in.

VIDEO: