Fans Club Riconosciuto ufficialmente dalla ELVIS PRESLEY ENTERPRISES

Leavin’ It Up To You

Pubblicato alla fine del 1979 dalla mitica “Audifon” (AFNS 66173), è ovviamente una produzione americana, come la maggior parte dei primi vinili pirata di Elvis.
La copertina presenta una foto scattata nel 1964 per “Roustabout”; stessa cosa dicasi per la back cover anche se Elvis ha un vestito diverso.
La tracklist non ci dice nulla dei dettagli delle canzoni: solo se è live o studio e che sono tutte inedite per l’epoca.
La label del disco è la classica della “Audifon”, blu scuro con testo argentato.

La canzone che salta subito all’occhio è quella che dà ilnome al disco, anche se il titolo corretto è “I’m leaving it all up to you”, un inedito assoluto che solo recentemente ha visto la, luce a livello ufficiale grazie alla FTD.
Si tratta di una canzone scritta e registrata per la prima volta dagli autori Don Harris e Dewey Terry nel 1957; Elvis la provò a Las Vegas il 25 gennaio 1973, incisione non di perfetta resa sonora, nella quale tralasciò un verso, rispeto al testo originale:
«I’ve got my heart in my hand. I, I don’t understand what have I, what have I done wrong ? You know, I worship the ground you walk on».

“Stop where you are” è la prima take che nulla aggiunge alla medicrità della canzone stessa che, tra l’altro, sembra suonare troppo veloce.

“Fever” proviene dal concerto di prova per “Aloha from Hawaii”, quello del 12 gennaio 1973.

“Aloha-oe” è la take 6 che anche in questo caso mi sembra suoni un pochino troppo veloce. Si tratta di una registrazione stereofonica, a differenza delle altre.

“Sand castles” ci fa ascoltare le takes 5 e 10 ed è un peccato che fu scartata dal film in quanto è la sua canzone migliore.

Il primo lato del disco si chiude con una bellissima versione di “Burning love”, sempre da Honolulu, 12/1/73.

La seconda facciata inizia con “Patch it up”, una versione undubbed tratta da acetato che suona in stereo.

“King of the whole wide world” è la take 25 della registrazione del 26/10/61; va ricordato che il master poi pubblicato nel ’62 dalla RCA sarebbe stato registrato il giorno 27.

Si ritorna al 12 gennaio 1973 con una splendida “You gave me a mountain” che è erroneamente intitolata “Lord you gave me a mountain”.

“I Slipped, I Stumbled, I Fell” è una sconosciuta outtake che viene erroneamente attribuita, come data di registrazione, ottobre 1960 ma in realtà la data giusta è 8 novembre. Anche in questo caso suona un po’ troppo veloce di come dovrebbe in realtà essere.

“Queenie Wahine’s Papaya”, uno dei brani più sciagurati di tutta la discografia Presleyana, è presente nelle prime due takes del vocal overdub di Elvis (tranne “Sand castles”, le canzoni vennero registrate da Elvis su basi musicali incise qualche giorno prima dalla band).

Chiude il disco una versione undubbed tratta da acetato di “Mary in the morning”, sempre molto bella e molto diversa proprio perché priva della strumentazione sovraincisa.

Questo disco è sì un polpettone di pezzi mediocri e molto validi ma all’epoca fu una bella novità poiché dava la possibilità all’appassionato di accaparrarsi canzoni mai ascoltate prima di allora, con un inedito addirittura assoluto, “Leavin’ it up to you”, appunto.
Si tratta, a mio parere, di un disco che figurerebbe ancora bene nelle collezioni di Elvis, pur di pagarlo una cifra ragionevole.

CANZONI:

LATO A:
1. I’m Leaving It All Up To You [prova eseguita il 25 gennaio 1973 a Las Vegas]
2. Stop Where You Are [take 1. Da "Paradise, Hawaiian style"]
3. Fever [dal vivo a Honolulu. 12 gennaio 1973]
4. Aloha-Oe [take 6. Da "Blue Hawaii"]
5. Sand Castles [takes 5 e 10. Da "Paradise, Hawaiian style"]
6. Burning Love [dal vivo a Honolulu. 12 gennaio 1973]

LATO B:
1. Patch It Up [undubbed stereo acetate]
2. King Of The Whole Wide World [take 25. Registrazione del 26/10/1961. Da "Kid Galahad"]
3. You Gave Me A Mountain [dal vivo a Honolulu. 12 gennaio 1973]
4. I Slipped, I Stumbled, I Fell [take alternativa. Da "Wild in the country"]
5. Queenie Wahine’s Papaya [takes 1 e 2 vocal overdub. Da "Paradise, Hawaiian style"]
6. Mary In The Morning [master senza sovraincisioni]