Fans Club Riconosciuto ufficialmente dalla ELVIS PRESLEY ENTERPRISES

Burbank Sessions 1 e 2

La tappa odierna ci fa conoscere le “Burbank Sessions” tutte spalmate in due set da 2 LP dai titoli:
The Burbank Sessions vol. 1 (June 27, 1968). Prima stampa: 1979. Etichetta Audifon, AFNS 62728. Label colore rosa.
The Burbank Sessions vol. 2 (June 29, 1968). Prima stampa: 1979. Etichetta Audifon, AFNS 62968. Label colore rosa.

All’epoca della loro prima uscita, questo materiale fece tanto scalpore per vari motivi: quello principale fu sicuramente il fatto di poter ascoltare per la prima volta tanto materiale inedito di un Elvis grandioso ed in una qualità audio forse migliore delle registrazioni RCA… O perlomeno questa fu la prima impressione… Ricordo che nel 1979, ascoltare Elvis dal vivo in qualità soundboard era un vero sogno.
La presentazione di questi album dava un dura lezione alla RCA in fatto di gusto, scelta delle immagini e gadgets aggiunti alla prima stampa. Un lavoro d’amore nei confronti di Elvis e dei suoi fans.
La RCA non si è mai dimostrata conscia del fatto di avere in scuderia il miglior “cavallo” di tutti i tempi e mai si è prodigata ad usare l’intelligenza e il rispetto che si sarebbe dovuto avere nei confronti di un artista che tanti, tanti milioni di dollari aveva portato e continuava a portare nelle loro casse e con una regolarità irripetibile.
Oggi, 27 anni dopo il 1979 (data di uscita di questi albums), ancora porta tanti soldi ai nuovi proprietari, la SONY, e ne continuerà a portare.

Il contenuto è ormai inutile commentare: chi al mondo NON ha avuto modo di ascoltarne almeno una parte? Su Marte, forse! Ma non sono tanto certo.
Ritorno sul packaging… Ma date un’occhiata all’album della RCA, NBC TV Special… Risulta più distante, non ti acchiappa…
Guardate invece questi due set con un fronte copertina di Elvis a piena pagina con delle immagini “vive” e all’interno (che si apre a libro) altre immagini che trasudano emozione, sempre tratte dalle sessions sia dei “sit down” che degli “stand up”… In più, per le prime stampe, la sorpresa dell’inserimento di gadgets molto gustosi, e per questa sensibiltà ancora oggi si deve dire grazie ad una parte dei bootleggers.

L’origine di questi album è americana, ovviamente qualche anno dopo (nel 1986) vennero copiati e ristampati (in Europa) sempre su etichetta Audifon, ma questa volta di colore blu, si possono anche distinguere per le loro copertine lucide al contrario delle originali decisamente opache.
Il tutto viene in seguito reso disponibile anche in formato CD pirata ma diventerebbe un discorso senza fine, tante sono state le uscite in questo “campo”.

Alla prossima…

Bruno