Fans club riconosciuto ufficialmente dalla Elvis Presley Enterprises menu

ELVIS IN ALABAMA

DISCOGRAFIA FOLLOW THAT DREAM
Data di pubblicazione Dicembre 2015
N° Catalogo 506020-975092

Dettagli:

elvis_in_alabama_front

Doppio CD in confezione digipack che ci fa ascoltare due registrazioni soundboards dal vivo risalenti alla giornata del 6 settembre 1976, al Von Braun Civic Center, Huntsville, Alabama. pomeriggio e sra.
Si tratta dell’ultima volta nella quale Elvis si esibì due volte in una giornata.
In precedenza, i bootleggers avevano pubblicato lo show pomeridiano (“Still rocking the nation!”).
Personalmente, preferisco il concerto serale; si tratta di due concerti discreti, considerato che siamo nel 1976, anno in cui i problemi di salute di Elvis erano già manifesti e si ripercuotevano, talvolta, nelle sue esibizioni.

elvis_in_alabama_back

EMISSIONI TRACK LIST

CD 1:
Huntsville, Alabama. 6 settembre 1976. Spettacolo pomeridiano
elvis_in_alabama_disc1
01 See See Rider
02 I Got A Woman / Amen
03 Love Me
04 Fairytale
05 You Gave Me A Mountain
06 All Shook Up
07 Teddy Bear / Don’t Be Cruel
08 And I Love You So
09 Jailhouse Rock
10 America The Beautiful
11 One Night
12 Polk Salad Annie
13 Introductions
Early Mornin’ Rain / What’d I Say / Johnny B. Goode
14 Love Letters
15 School Days
16 Hurt
17 Hound Dog
18 Funny How Times Slips Away
19 That’s All Right
20 Can’t Help Falling In Love
21 Closing Vamp

 

CD 2:
elvis_in_alabama_disc2

Huntsville, Alabama. 6 settembre 1976. Spettacolo serale
01 See See Rider
02 I Got A Woman / Amen
03 Love Me
04 Fairytale
05 You Gave Me A Mountain
06 All Shook Up
07 Teddy Bear / Don’t Be Cruel
08 And I Love You So
09 Jailhouse Rock
10 Fever
11 America, The Beautiful
12 Introductions / Early Mornin’ Rain / What’d I Say / Johnny B. Goode
13 Love Letters
14 Introductions / School Days
15 Hurt
16 Hound Dog
17 Danny Boy [Sherill Nielsen]
18 That’s All Right
19 Blue Christmas
20 Mystery Train / Tiger Man
21 Funny How Times Slips Away
22 Can’t Help Falling In Love
23 Closing Vamp

RECENSIONI

Di Davide Raga.

 

Doppio colpo della FTD con le registrazioni soundboard degli shows afternoon ed evening nella città di Huntsville, Alabama, del 6 settembre 1976.
Tale data viene sottolineata dagli amanti della statistica in quanto si tratta dell’ultima volta in assoluto in cui Elvis si esibisce per due volte nella stessa giornata. Una scelta molto probabilmente “obbligata” al fine di preservare la salute del cantante, sottoposto a ritmi “on the road” veramente duri.
Statistiche a parte, per noi amanti della sua arte è piacevole invece riscontrare che in questo tour a cavallo tra agosto e settembre 1976 ritroviamo un Elvis in forma decisamente migliore rispetto a come lo avevamo lasciato poco più di un mese prima: la voglia di cantare è tornata…e si sente. Siamo ovviamente lontani dal miglior Elvis, ma considerato il quasi disastroso tour del luglio precedente, notiamo qui una buona padronanza vocale, un umore molto buono e in definitiva un cantante concentrato e padrone del palco, che si diverte ad interagire e a far divertire il proprio pubblico che, come sempre, è in delirio dal primo all’ultimo secondo dello spettacolo.

 

Focalizzandoci meglio sulla musica, notiamo che le due scalette sono praticamente identiche, le classiche del 1976, dove uno spazio centrale viene riservato ad “America The Beautiful“, inserita in scaletta proprio in virtù della ricorrenza storica e che pian piano ha soppiantato l’amatissima American Trilogy. Altre Highlits di questi spettacoli sono sicuramente One Night, eseguita a sorpresa nello show pomeridiano, That’s All Right, Mystery Train / Tiger Man, And I Love You So, Hurt (forse il finale del reprise, nel secondo show, non è il migliore tra quelli ascoltati) e la sempre bella Funny how time slips away.

 

Elvis in Alabama è un CD del quale consiglio l’acquisto non solo per la sua valenza storica in quanto “last double date”, ma sopratutto perché ci restituisce un Elvis in “ripresa”, in buona forma vocale e in vena di fare bene il suo lavoro. Il che non è poco, considerato quanto difficile sia stato il 1976 per Elvis sino a quel momento.